Anatomia dell’amore – Vespa

Vespa

Ragazza in Vespa – web

Si frequentano da un anno ormai e capita che finito il turno lei passi a trovarlo sul lavoro per due parole, un saluto. Non sale in studio, in verità, non osa. Non vuole disturbare, invadere il campo. In fondo si vergogna un po’. Gli fa uno squillo e lo aspetta da basso, che poi magari ci scappa un caffè o una cosa insieme al bar sotto il portico.
Sono quasi le cinque quando suona il cellulare. Lui è impegnato, non può rispondere, lascia fare. Puntuale arriva un messaggino, cui risponde con un rapido ‘ok …’, che allude a un’attesa non ben precisata, ma non eccessiva.
Dopo una decina di minuti è giù al portone, ma non la vede. Fa qualche passo sotto il colonnato, controlla il cellulare, scruta il parcheggio.
“Buh!”, sbuca fuori lei da dietro un pilastro, sorprendendolo alle spalle.
Lo abbraccia, si abbracciano.
Lui getta uno sguardo intorno, incrociando quello di un paio di passanti. Non li riconosce. Nemmeno gli avventori del bar, mentre prendono posto a un tavolino all’esterno. Si rilassa, fa gli onori di casa. Lei appoggia casco e zainetto su una sedia vuota, scioglie i capelli e li scuote con le mani. Si toglie gli occhiali da sole. Sorride.
Ordinano un caffè e una spremuta.
Lei è allegra, disinvolta, deliberatamente provocatoria. Lo bacia davanti a tutti come se fossero soli. Lui prova a lasciarsi andare, a non pensare a cause e dibattiti, al lavoro che lo attende prima di sera. Mette gli occhi su di lei e non li sposta. E’ bella, come la primavera.
Parlano un po’ del più e del meno. Ma quando lui prova a descrivere quello che sta accadendo nel suo ufficio, cinque piani più su, lei si sporge sul tavolino e preme le labbra sulla sua bocca, soffocando sul nascere ogni odiosa minaccia a quel loro breve momento di felicità.
“Mi vedi? Sono qui. Stai un po’ con me”, lo rimprovera.
Lui annuisce e sorride in silenzio.
Poi si alzano. Si abbracciano.
“Stringimi forte”, gli dice, “fammi sentire che ci sei”.
Si baciano.
Lui sente l’alito dolce di lei e la sua lingua accarezzargli le labbra. Chiude gli occhi, la sfiora con la sua. Le loro bocche si fondono.
E’ il momento di separarsi di nuovo.
“Mi chiami? Quando hai finito, anche se è tardi…”.
La guarda montare sulla sua vespa rossa. Mettere il casco, che la fa sembrare una bambina alle giostre. Ogni volta che la vede partire, ha paura che perda l’equilibrio. Ma poi lei accelera, solleva i piedi e prende il volo scodinzolando un po’.
Subito dopo, però, lascia andare l’acceleratore e si volta di nuovo indietro ondeggiando per il piazzale. Sorride sotto gli occhiali scuri raggiante nel suo vestitino a fiori. Lui non può che fare altrettanto. Alza timidamente una mano. Lei ora sembra ridere di lui, fermo impalato come uno stoccafisso sotto il colonnato. Si avvicina, frena, mette giù un piede sobbalzando.
“Ricorda”, dice con l’aria di chi sta rivelando una verità. “L’amore è un moto da luogo”.
Apre il gas. La moto alza la voce rispondendo docilmente, senza fretta, dandole ancora il tempo per un sorriso soddisfatto.
Lui rimane lì a guardarla mentre s’allontana. La fronte alta, il vento in faccia. Le spalle nude, i boccoli dorati che fiammeggiano da sotto il casco. Finché scompare nei flutti del traffico.
Si avvia al portone. Ripensa alle carte pronte e a quelle ancora da rivedere. Alla strategia, alle cose da dire, alle domande da fare.
Sta bene, pensa. Sa che porterà a termine il proprio lavoro, che lo farà nel migliore dei modi. Eppure gli manca qualcosa. Qualcosa che era dentro di lui e che ora non si trova più lì. Ma non se ne cura. Ha capito.
“Va tutto bene”, dice, salendo lo scalone due gradini alla volta.

Advertisements

Anatomia dell’amore – La controra

Controra

“Riposo pomeridiano”, V. Van Gogh – web

Lo mise dentro e spinse piano fino in fondo, appoggiandosi a lei.
Stette fermo così, annusandole il collo. Aprì la bocca e lo morse dolcemente, lo leccò fino all’orecchio. Poi sfiorò le sue labbra, che non risposero. La guardò. Aveva gli occhi chiusi, in attesa.
Cominciò a premere. Prima piano, poi più forte. Lei lo lasciò fare. Guardò i suoi seni sobbalzare, s’inarcò e le leccò un capezzolo, poi l’altro, eccitandosi. Lei allargò le braccia e s’aggrappò alle lenzuola. Si voltò e sprofondò il viso nel cuscino, abbandonandosi.
Ma non gemeva, non diceva niente. Lui continuò a muoversi sopra di lei in cerca di un sospiro, una parola che lo guidasse.
Ora la prendeva con forza, ansimando. Alzò lo sguardo alla testiera del letto, poi più su, al crocefisso appeso sulla parete di tufo. Aveva caldo.
Pensò a quando avevano deciso di farlo: erano le due e, col caldo che faceva, di andare in spiaggia non se ne parlava nemmeno.
Si fermò. Era sudato. Lo tirò fuori. Guardò sua moglie, che aprì gli occhi per capire cosa stava succedendo. Non disse niente, lo mise dentro di nuovo. Poi si ritrasse e la penetrò ancora. E ancora. Ma mai fino in fondo. Aveva bisogno di sentire le sue labbra avvolgerlo e inghiottirlo ogni volta. Continuò a muoversi a quel modo, trattenendosi appena oltre la soglia. Ripeté quei gesti affrettandoli man mano, trastullandosi con gli orli della sua pelle.
Adesso sapeva di poter venire da un momento all’altro e in fondo aveva voglia di farlo. Lei era tutta bagnata, ma continuava a tacere.
Seguitò a giocare con i lembi della sua vagina, penetrandola sempre più rapidamente. Era convinto di farla godere. Puntò le ginocchia, le strinse forte i seni e le braccia, accelerò con movenze da film porno, estasiato dal liquore che lo avvolgeva e dalla sensazione di continuare a entrare dentro di lei.
“Che stai facendo?”, le udì dire a un tratto.
S’interruppe di colpo e la guardò titubante.
“Entra bene”, lo redarguì. “Così non sento niente”.
Mortificato, smise di giocare. Ubbidì, andò fino in fondo e ricominciò a muoversi.
Lei richiuse gli occhi. Lo fece anche lui.
Spinse sempre più forte finché venne, accasciandosi su di lei.
Per un po’ rimasero in silenzio.
“Sei tutto sudato”, disse lei, toccandogli una spalla.
Si sollevò sulle braccia. Con un sorriso rispose allo sguardo infastidito di sua moglie e scartò di lato.
Si chiese se le avrebbe fatto piacere che la toccasse. Non aveva molta voglia di farlo, in verità. Provò a dire qualcosa, rise.
Per tutta risposta lei scimmiottò la sua risata.
“Ridi sempre così”, disse aspra, tirandosi a sedere. “Quella tua risata falsa, di circostanza”. La imitò ancora un paio di volte, con sarcasmo. Sapeva di umiliarlo. “Vado a fare una doccia”, concluse, alzandosi dal letto.

Anatomia dell’amore – Voce

La sua voce. Dote naturale, educata, addestrata per anni. Oggi forse un po’ ingombrante, talvolta imbarazzante. Un talento non messo a frutto, come spesso accade, ma non solo. Motivo di contesa e discordia fra lei e la madre, alla ribellione succedette lo strappo, il silenzio. Sicché oggi è raro sentirla cantare. Ma quando succede – e per mia fortuna accade sempre più spesso, la sua voce mi avvolge e mi trattiene prima ch’io possa fare o pensare alcunché. E’ qualcosa di sorprendente; metamorfosi ai miei occhi, magia per i miei orecchi. In quei momenti è come se la sua persona mutasse, se assumesse proporzioni diverse.
Ha un corpicino minuto. Quando canta, l’attimo prima, pare quasi ridursi ulteriormente. Poi, solleva gli avambracci e stringe indici e pollici come ad afferrare un filo di redini sottili. Chiude gli occhi. Mi sembra di avvertire l’energia accumularsi all’altezza del suo ventre rannicchiato. E poi da lì sgorgare in un gemito profondo e crescente, sempre più potente, subito inseguito, ascoltato, modulato, dosato. Domato. La sua voce come altro da sé, come bestia da addomesticare e governare. E quando la lascia andare, quella forza sproporzionata mi disorienta. Immerso in quel suono, la vedo con altri occhi. Il suo corpo diviene uno strumento smisurato.
“Ti canto un pezzo della Cenerentola di Rossini”, mi dice dopo aver scaldato un poco la voce. E’ contralto, merce rara. Di una bellezza ambigua e schiva, ancor più difficile da accettare.
Ma lei ha tante voci e a me piace ascoltarle tutte. Quella un po’ roca, sospirata e tesa, dei momenti in cui vivere sembra una trappola senza via d’uscita. Quella misurata, ma energica e decisa, che così ben s’intona ai concetti di psicologia. Quella sopra le righe, esasperata e urlata, con cui protesta e si sfoga. Quella stridula e lacerata dei momenti di paura. Ne conosco i picchi, l’onda gonfia. Il frangersi in risata, il dilaniarsi in pianto rabbioso. Il mugolio amoroso. E il tono brusco e canzonatorio con cui mi rimbrotta, mi pungola, mi promuove; quello deliziosamente crudele con cui si fa beffa di me.
Ma c’è un momento in cui riesce ancora a sorprendermi. Accade quando è allegra, magari un po’ su di giri. Mentre beviamo un bicchiere di vino stuzzicandoci a vicenda e infine lei prende l’iniziativa e mi scuote delicatamente con le sue domande. E’ in quel tempo di lieta attesa, in cui mi invita ad avventurarci insieme in un dove inesplorato, è allora che odo un mugghiare di metallo morbido attraversarle la gola, e le sue parole vibrare come cristallo strofinato dal vento. Ascolto inebriato quel riverbero e vi riconosco un’armonica, una nota dominante, la sua. La adoro, come adoro il modo in cui si manifesta a un tratto, luce al tramonto sulle rocce. La stessa che le illumina il volto.

Anatomia dell’amore – Acqua

 

uomini e donne
di carta e di cera
di aliti ventosi
rivoli di fortuna.
ma cari miei
solo acqua che fugge via!

“Certo che ha un bell’odore il tuo coso, lì”, disse senza distogliere lo sguardo dalla tv.
Lui si voltò. Sorrideva divertita. Continuava a fissare lo schermo, in attesa.
Aveva capito, ma fece finta di no, non disse nulla. Lo faceva spesso, prendeva tempo. Lei lo sapeva. E lo aspettava.
Erano seduti sul divano, vicino alla stufa. Si erano tolti le scarpe e poggiavano entrambi i piedi su una sedia.
“Non dici niente?”, lo spronò. Fece un cenno col mento e mosse gli indici delle mani, che teneva intrecciate sul grembo. Lui guardò nella direzione che aveva indicato, dritto su di sé. Si sporse verso di lei e fece finta di annusare l’aria. “Ma cosa fai, stupido?!”, esclamò lei, mettendosi a ridere. “Smettila, che già mi mette abbastanza imbarazzo”. L’odore, era vero, si sentiva bene.
“In effetti si sente bene”, disse lui. “Sicura che non sono io?”
“Ma va!”
“Sai, non ho nemmeno fatto una doccia”.
“Nemmeno io. Mi sono sciacquata, ma non ho tolto tutto. Ne era rimasto un po’. E adesso è sceso”. Lui la fissò, poi la baciò sulla fronte. La fissò nuovamente.
“Perché mi guardi così?”, chiese lei. “Sorridi, sembri quasi contento”, si ritrasse un poco nel suo angolo di divano. Faceva sempre così. Si scostava e lo guardava da un po’ più lontano. Lo faceva per vedere meglio. Per capire. Per capire se quello che sentiva era vero. I suoi occhi guizzavano in cerca di una conferma.
A lui sembrava che gli leggesse dentro. Non era sempre facile lasciarsi guardare così. Né rispondere alle domande che normalmente seguivano. Era come se lo trapassasse.
“Vieni qui”, disse lei.
Lui l’abbracciò. In realtà lasciò che fosse lei ad abbracciarlo. Non desiderava altro. Si stese su di lei e le poggiò il capo in grembo. Lei lo strinse a sé. Sapeva che ne aveva bisogno. Lei sapeva ogni cosa. E a lui andava bene che le cose stessero così. Potersi fidare.
“Mi spiace che tu non possa averne”, gli aveva detto il giorno prima.
Era tanto che non ne parlavano più. Stavano bevendo un caffè al tavolino di un bar prima di andare al lavoro, quando lei aveva pronunciato quelle parole come se non avessero alcun peso. L’attimo dopo sembrava che stesse già pensando ad altro. E invece pesavano quelle parole, eccome se pesavano. Anche per lei. Ma trattarle così era meglio. Per entrambi. Lei sapeva anche questo.
“Spiace anche a me”, le aveva risposto lui.
Stare con lei era come essere nudi. Sempre. Lo faceva stare bene. Per questo motivo oggi non diceva niente. Perché non ce n’era bisogno. Lei sapeva la risposta prima ancora che lui riuscisse a formularla. E allora rimase in silenzio.
Chiuse gli occhi e pensò a lei che lo chiama sul balcone per salutare la luna. Alle lacrime che le increspano gli occhi, per un ricordo. Al suo ventre. A quel calore. A quell’odore. A quel rivolo.
Riaprì gli occhi. “Sarebbe bello potesse venirne fuori qualcosa”.

Anatomia dell’amore – L’uncino

uncino

Mercato coperto, Sulaimanya, Iraq

Eravamo in una camera d’albergo di terza categoria. Era inverno, il pavimento di graniglia era gelido, i termosifoni appena accesi fischiavano disperatamente. Stavamo distesi sul grande letto a due piazze, vestiti. Di lì a un poco avremmo fatto l’amore, ma c’era ancora tempo. La luce delle abat-jour ai lati del letto squarciava il buio di quello stanzone freddo. Se non fosse stato per il via vai sul piano, l’aprirsi e chiudersi di porte sul corridoio e il clamore improvviso degli ultimi arrivi, avremmo anche potuto essere in una tomba. Ero stanco del viaggio e di tutto ciò che l’aveva preceduto, mi stavo acclimatando. Avevo voglia di lei, la desideravo, ma non ero ancora pronto per toccarla, né toglierle i vestiti di dosso. Non ricordo di cosa stessimo parlando, forse di Roy, il festeggiato, che cercava di farsi Claire, ma lei gliela faceva solo annusare. Lui era troppo buono, era il suo più grande difetto, e glielo leggevi subito in faccia, nonostante il metro e novanta, la palestra che gli gonfiava la camicia, i piercing e i solchi nei capelli. O forse parlavamo di noi, che tutto sommato stavamo bene, scopavamo, tanto e di gusto. In quel momento eravamo una zattera in balia della corrente e il mare era incredibilmente piatto. Forse eravamo felici, chissà. Fatto sta che a un tratto lei si tirò su sulle ginocchia e guardandomi dall’alto mi disse: “Adesso ti rivelerò una cosa”, usò proprio quella parola, rivelare. Si sedette sulle caviglie e si sporse un po’ in avanti, senza toccarmi. Abbassò la voce per essere sicura di essere udita da me soltanto, per accertarsi che ascoltassi bene ciò che stava per dirmi. E il tono della sua voce, in effetti, divenne quello di una sorta di ammonimento. “E’ il tuo pene, la forma che ha, che mi piace”, disse. “E’ giusta per me, capisci, sembra fatta apposta. E’ di quelli ad uncino, ma ce l’ha nel punto giusto”, continuò, “mi stimola proprio lì”. E mosse eloquentemente il dorso di una mano nell’incavo dell’altra. “E’ per quello che se non sto attenta vengo subito”. Silenzio. Per un lungo istante il bambino guardò la maestra inebetito. Ed io che credevo di essere bravo a letto, pensai. Grazie al cazzo, invece. Uncinato, a quanto pare. Alla fine annuii, feci intendere di aver capito e mentre nel frattempo scacciavo dalla mente l’immagine poco gradevole di un pezzo di carne appeso in una macelleria. “Facciamo in fretta”, disse lei, “fra un po’ verranno a chiamarci per uscire”, e prese a sbottonarsi la camicia da sotto il maglioncino di lana. Io rimasi immobile ancora un momento. Chiusi gli occhi e infilai le mani nelle tasche dei pantaloni in cerca di un po’ di calore. Nonostante tutto, faceva ancora maledettamente freddo.

Anatomia dell’amore – Seni

La pudicizia (seni) - A. Corradini

“La pudicizia”, Corradini – web

Non sono uguali. Ma ugualmente belli. Uno più sodo e gonfio, il primo, il preferito. L’altro, non più piccolo, ma alleggerito, la pelle morbida che s’incurva appena; giovane e fresca, non fa una grinza. Ho il sospetto che con quello senta di più. In quei giorni, invece, l’altro è teso come un tamburo, è un campanello d’allarme, duole solo a sfiorarlo. Sono belli. Gliel’ha detto anche il dottore. Le ha fatto i complimenti: perfetti, ha detto; ha usato proprio quella parola. E se ne intende lui, ne vede tanti. Sono belli e importanti, in quella figura di bambola e bambina. Li amo. Amo quelle due capocchie rosse e la crusca che le contorna. Amo quelle forme diverse e la loro pelle opalina. Amo il respiro che le anima. Amo quell’asimmetria: all’inizio non l’avevo nemmeno scorta, complice un artificio di spugna. E’ stata lei a rivelarmela, una specie di anticipata confessione. Poi il desiderio, la confidenza. Mi manca. Tutto. Mi manca tutto di lei. La più piccola imperfezione, la più piccola anomalia. Ciò che la rendeva unica. Ciò che la rendeva mia.

Anatomia dell’amore – Mani

 

Ratto di Proserpina - Bernini - Mani

“Il ratto di Proserpina”, Bernini – web

Quella cosa delle mani. Strano, mi viene in mente solo adesso, quando è tutto finito. Certe cose la nostra mente ce le propone solo nel poi. In realtà credo che tornino, risalgano in superficie. Perché son sempre state lì, dall’inizio. Dal primo giorno, dalla prima volta. La prima volta che l’hai sfiorata, l’hai toccata, l’hai fatta godere. Lei che a un tratto apre gli occhi e sussurra una frase, una domanda. “Che mani hai?” Tu che ti fermi e la guardi stupito. Rimani così per un momento, interdetto, cercando qualcosa da dire. La battuta pronta non ce l’hai, così t’interroghi sul senso. Che mani hai? Che razza di domanda è? Fai a tempo a pensare che le tue mani, le tue dita affusolate non hanno proprio niente che non va. Qualcuno te le ha pure ammirate, te le ha invidiate. Vorresti alzarne una e contemplarla insieme a lei, proprio in questo momento. Ecco, adesso la sfili dalle sue mutandine, aspetti che lei apra gli occhi e gliela fai vedere, le dita divaricate, mentre la giri: prima il palmo, poi il dorso. Le mie mani? Cos’hanno che non va le mie mani? Le chiedi. Che difetto ci trovi? Ma non lo fai, non è così che vanno le cose. Il richiamo della sua pelle, sempre più attraente, del suo respiro, sempre più esigente. Così metti via il pensiero e ti immergi di nuovo anche tu. Anche se in un angolo da qualche parte nella tua scatola cranica s’annida una piccola bolla d’aria. Lei è lì con te, sta godendo, eppure in quello stesso momento ti sta misurando, ti sta confrontando. Con chi? Ricacci il pensiero e continui. Non è un problema, non è successo niente, ti dici. Più vai avanti e più non senti niente. Una bolla molto più grande, umida e calda, in grado di contenere il tuo corpo e quello di lei insieme, un’aura avvolgente ti isola, ti solleva, ti permea dell’assordante fruscio della sua bambagia. Sei solo battito e respiro ora. E lei con te. “Non sono mani da uomo”. La sua voce, di nuovo, in un mugolio. Poi ancora, appena più salda: “Non hai nemmeno un callo. Sono lisce…”. Ora apri gli occhi e la fissi. Lei schiude appena le palpebre e le serra subito dopo, come per non vederti. Tu le accarezzi le natiche accennando un timido buffetto, le serri un seno senza convinzione, con l’altra mano lasci andare i capelli e la stringi appena sotto la nuca. Infine ti fermi, indeciso sul da farsi. Un timore reverenziale ti impedisce di posare di nuovo le dita sul suo sesso. La sua di mano, però, non si ferma. Anzi, prende a muovere con più forza. Ti chiama. Allora ti insinui di nuovo nel suo umore, aumentato, espanso, che accogli e lasci dilagare dentro te. La baci, le mordi le labbra, il collo. Lei geme per la paura di non riuscire a trattenersi, di non trattenere il piacere che le dà essere amata da un uomo e una donna simultaneamente. Infine ti ferma, si ferma, respira. E ti chiede: “Adesso cosa vuoi fare?” Infine ti ferma, si ferma, respira, e ti chiede: “Che cosa vuoi fare?”