Sogno

[Precognizione]

 

 

Nonna parlava ridendo

era serena

fummo insieme a lungo.

 

Quella stessa notte

possedetti una vergine.

Incarnato, sfinito. Nel tempo

 

Poi vidi la scala: pioli di ferro

spalle nodose di legno lucido e scuro

levigato bene – mi parve pregiato.

 

Ma non stava diritta, la scala

appoggiata alla parete

liscia, e bianca.

Anatomia dell’amore II – Seni

La pudicizia (seni) - A. Corradini

[“La pudicizia”, Corradini – Fonte: web]

Non sono uguali. Ma ugualmente belli. Uno più sodo e gonfio, il primo, il preferito. L’altro, non più piccolo, ma alleggerito, la pelle morbida che s’incurva appena; giovane e fresca, non fa una grinza. Ho il sospetto che con quello senta di più. In quei giorni, invece, l’altro è teso come un tamburo, è un campanello d’allarme, duole solo a sfiorarlo. Sono belli. Gliel’ha detto anche il dottore. Le ha fatto i complimenti: perfetti, ha detto; ha usato proprio quella parola. E se ne intende lui, ne vede tanti. Sono belli e importanti, in quella figura di bambola e bambina. Li amo. Amo quelle due capocchie rosse e la crusca che le contorna. Amo quelle forme diverse e la loro pelle opalina. Amo il respiro che le anima. Amo quell’asimmetria: all’inizio non l’avevo nemmeno scorta, complice un artificio di spugna. E’ stata lei a rivelarmela, una specie di anticipata confessione. Poi il desiderio, la confidenza. Mi manca. Tutto. Mi manca tutto di lei. La più piccola imperfezione, la più piccola anomalia. Ciò che la rendeva unica. Ciò che la rendeva mia.