il fosso

il fosso

sa di letame
e ha il sapore dolciastro del sangue
dove sei morto la prima volta
per mano mia.
un cane, labbra da bambino
latrava follia e prevalsa
mentre l’acqua ti bagnava le ginocchia.
tu non lo sentivi
nei tuoi occhi solo stupore
e la mia voce.
una cicatrice rimane
ferita nel costato
il fosso
dove le rane, la notte
gracidano ancora.

[P.B., 1/7/2019]

immagine di copertina – web

Annunci