Pubblicazioni

A oggi non ho “pubblicato” nulla.
Come tanti “aspiranti scrittori”, l’idea che una mia “opera” possa essere un giorno pubblicata mi lusinga molto. Come negarlo?
Ma non posso dire di impegnarmi molto in questo. Nel senso che non mi sto proponendo con convinzione agli Editori.
Per mio sfizio personale, per farne dono a un amico, o a una persona cara, ho stampato a mie spese alcuni lavori (vedi qui). Non me ne vergogno. Mi andava di farlo e l’ho fatto. Con questo ritengo di non aver fatto nulla contro il mondo dell’editoria, quella vera. Anzi, ne sono un convinto sostenitore.
Diciamo che, quando riterrò di avere in mano qualcosa degno di investire tempo e fatica nella ricerca di un Editore, lo farò sicuramente. E allora, potrò ricevere anche solo pareri e risposte negative, o non riceverne affatto. Ma questo fa parte del gioco. E non cambia nulla.

5 thoughts on “Pubblicazioni

  1. Caro Paolo, ti ringrazio per il follow, del resto però abbiamo già avuto il destino di incrociarci. Quanto al pubblicare o meno, mah! trovo che ormai che l’inflazione sia tale di autori ed anche editori… sì, editori. Mi viene da credere che con la complicità anche delle tecnologie e le aberrazioni del marketing, la scrittura sia un po’ la donna di tutti, nei casi migliori (calciatori, starlette, vip in generale) una escort. Allegria!
    A presto!

    • Carissimo, pensavo di essere tuo follower da più tempo, ma la tecnologia mi sorprende sempre… In merito al cacofonico e controverso mondo di autori e editori (imbonitori e ricercatori), questa sorta di bolgia dantesca in cui si fa un po’ fatica a udire e riconoscere la voce di un vate degno di codesto nome… che dire? Nulla. Leggiamo, scriviamo. In nome del bello e del vero. E’ comunque un gesto sentito e necessario. Il resto, la divulgazione e la possibilità di raggiungere un “pubblico” di lettori più ampio, se arriva (e se proprio deve arrivare), vien da sé… Dal mio canto, io sto bene anche così.

      • Condivido, virgole comprese.
        Piuttosto, l’esercizio della scrittura è utile se non altro, quando, al lato pratico, c’è qualche mail da spedire a enti o cos’altro, per farsi capire bene o modulare insulti e proteste senza incorrere in sanzioni penali! 🙂
        Lo scrivo un po’ come battuta, ma anche parecchio sul serio 🙂
        Che il destino ci sia amico!
        A presto!

      • “Non tutti i mali (e ossessioni e condanne, per dirla alla Capote) vengono per nuocere”, no?
        Hai ragione. La tua ironia non giunge mai a sproposito.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s