Poesia

La bambina, in giardino, danza intorno al papà
mentre spazza con cura il vialetto di casa.
Poi corre da mamma, che le dice qualcosa.
Lei fa sì con la testa e scompare di corsa.
Ma ecco, ritorna, con un sacco di iuta…

E’ scena muta, distante attraverso il mio vetro.
La generazione mancante, penso, guardandomi indietro.
Il germoglio si cresce in un vaso più grande.

*** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** ***

E’ colpito il ventre della terra
violato un utero senza inverni.
Uomo incauto, che accatasti zanne
insanguinate in riva al fiume
in patria calpesti immemore
la lapide della tua chimera.

*** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** ***

Schianta la serratura
a metà della notte.
Poi un colpo di tosse
sulle scale vuote.
Rombi di solitudine.
Non sei solo, t’ascolto.

*** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** ***

Non gocce di rugiada
ma vane parole
stillanti lacrime
le tue, vibratili
in notti sfiorite
al limitare di un bosco.
Scricchiola l’impalcato.
Dalla finestra più non giunge
il cantilenare tiepido del vento.
Sul pavimento rimane un corpo nudo
la pelle inviolata.

*** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** ***

Cauto scivola il piede
sopra il primo gradino
e abbranca la mano
il ferro della ringhiera.
Poi fai leva, t’innalzi
sorridente ed eretta
sulla scala fiorita.
Chi in veranda attendeva
il tuo arrivo, e la sera
è già lì che ti cinge
t’accudisce con zelo.
Ma tu felina, incurante
ti sottrai alla presa.
Retrocedi tentoni
chiami me con le mani.
Nella tua notte, lo so
cerchi ancora il bambino.
E s’incontran le dita
allungando il commiato
che anche a te, alle volte
divien più faticoso.

*** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** ***

Uomo, posto in fronte a te stesso
ne ammiri l’ineguagliabile fattura
lineare, inamovibile.
Nell’incisione, parli coll’artefice a tu per tu.
Infante in fasce di lino
fosti libero di creare alcunché osservassi
ogni tua singola esperienza.
Non ti mancava nulla
tranne l’essere immortale.
Generasti allora un dio
augurandogli l’eternità.

*** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** ***

Vi faccio ritorno spesso
forse ogni notte.
In sogno, pietre e luci sono velate d’antico
d’eterno.
Nel mio essere d’ora
v’incontro presente e passato
indifferentemente.
E mi ritrovo sospeso
fra cielo e terra
e enormi distese d’acqua.
Al risveglio, so di essere stato ancora là
dove, infinitamente giovane
e già vecchio
assaporai la crudeltà di quel mio tempo.

*** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** ***

Indugio da giorni su parole sospese.
Intenzioni, memorie
braci destate a un divenire sfatto.
Altrove è muta, schiacciante apatia
lembi di gesso invadono l’orizzonte.

*** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** ***

In un mare di pece e memorie
ci amiamo d’assoluta presenza.
Un cielo di seta e basalto
è teso sopra di noi, mentre
la notte ci sfiora la fronte.

*** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** ***

Sole e cielo limpido
tempo per volare.
Rami intirizziti dal vento
disegnano liquidi arpeggi
di rinnovato stupore.
Tempo fa sono morto.
Non è stato inutile.

*** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** ***

Mentre il sole si spegne
il vento canta suadente
una litania senza orizzonte.
Ne farà memoria alle rocce
il mio arrendevole grido.
Inconsapevole musa
affronto per te il baratro.
Presto vedrò i tuoi occhi
e non saprò più il mio nome.

*** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** ***

Malinconici sfiorati accordi, premuti appena.
Sedie rivoltate sui tavoli, sul piano un telo smosso.
Fioca filtra la luce in questo buio salone d’albergo.
Nell’oscurità su di me brillano i tuoi occhi.
Vorrei fissare per poi limare, plasmare a piene mani.
Scrivo e non mi raggiungo, non sfioro le parole
che di te sulla pelle mi dicono.
Le mie mani non contengono la luce dell’alba
una spiaggia bagnata dal sole
il sogno di una notte.
Per i tuoi occhi è vita nuova dalla cenere.
Dipendente, libero, posso lasciare tutto e partire.
Veloce corre l’asfalto sotto di me, qui, steso sul letto.

*** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** ***

Non voglio i tuoi sabati
il tuo bar, i tuoi fratelli.
Gli occhi di tua madre
le mani di tuo padre.
Voglio il tuo respiro
le tue lacrime
i tuoi capelli sul viso.
Non voglio il tuo diario
le tue foto, il tuo natale.
Voglio la carezza al tuo cane
l’ultimo sguardo, prima di arrenderti.
Il primo, per crederci ancora.

8 thoughts on “Poesia

  1. ci sono tocchi di poesia altissima
    immagini potenti che toccano anima e cuore
    metafore di vita piena

    parto dal basso:

    . Voglio il tuo respiro
    le tue lacrime
    i tuoi capelli sul viso.

    – Le mie mani non contengono la luce dell’alba
    una spiaggia bagnata dal sole
    il sogno di una notte.

    – una litania senza orizzonte

    – liquidi arpeggi
    di rinnovato stupore.

    – In un mare di pece e memorie

    – lembi di gesso invadono l’orizzonte

    – In sogno, pietre e luci sono velate d’antico
    d’eterno

    – Generasti allora un dio
    augurandogli l’eternità

    – e la sera
    è già lì che ti cinge
    t’accudisce con zelo.

    – stillanti lacrime
    le tue, vibratili
    in notti sfiorite
    al limitare di un bosco

    – Rombi di solitudine.

    – la lapide della tua chimera

    – Il germoglio si cresce in un vaso più grande

    grazie Paolo per queste care parole da tenere
    se le leggi di fila puoi dire che è come una poesia nuova 🙂

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s