Q.B.

.

.

.

.

.

Entra in casa, siedi.

Chanel numero 5 non lo uso

ma ho sangue numero 0 nelle vene,

non porto calze né baci da 30 denari,

Giuda è solo il nome di un vino,

nessun grado di separazione fra la mia testa e il tuo cuore.

Ho apparecchiato la tavola:

1 foulard di seta per tovaglia

2 piatti di ceramica Galvani

2 foglie gialle per pulire le bocche

2 calici che ho scelto tra quelli non amari delle nostre vite

12 bacche rosse più per bellezza che altro

6 grani di pepe scuro

qualche frutto della mia immaginazione (a km 0)

1 uovo come centrotavola.

Dalla finestra odore di pioggia quanto basta (q.b.).

Tutto è giusto adesso,

anche quello che non ho calcolato,

anche le nostre ferite,

anche l’infanzia che è stata,

anche il vento fuori,

anche i cani randagi,

io che ti dico una cosa assurda riguardo all’uovo

e tu che ti commuovi.

.

.

.

In soccorso: C’è tempo, Ivano Fossati

.

.

.

[Odette Copat, da Un diario malincomico, sez. Autunno, un libro-diario-prontuario di cui dirò di più in un prossimo post]

11 thoughts on “Q.B.

    • Hai ragione. È proprio questa la chiave di lettura di questo libro. La bellezza è ovunque e comunque, in qualsiasi situazione (è la bellezza della vita, La vita è bella…). Proverò a dire qualcosa di più in un post un po’ più esteso so Manuale, ma basta frequentare il blog di Odette (30giorniinprova per percepirne lo spirito ed entrare nello sguardo ironico e cangiante, irriducibile direi, dell’autrice.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...