Depressione

Tomba

Tomba

Si schianta silenzioso
l’ultimo filo d’erba.
Già arida, la terra
prosciugata
non s’ingravida più.
La grazia è tumulata,
sepolta.
Smarriti i giorni della misericordia.

[I.P., 3/8/2018]

Annunci

17 thoughts on “Depressione

  1. Non ti arrabbiare se mi sento di rispondere, proprio io che non sono un mostro d’ottimismo, con le parole di Clarissa Pinkola Estes: “Il seme nuovo e fiducioso si radica nel profondo, nei luoghi che sono più vuoti.”

    • Le tue parole, il tuo sentire sono in linea con quelli di “Tullio”. E con i miei. Do spesso spazio, qui nel blog, a visioni più o meno crude, più o meno pessimistiche (o semplicemente realistiche). Non è sterile autocommiserazione. Direi piuttosto, un doveroso atto di cronaca, o di testimonianza. Forme di prese di coscienza. Sempre e comunque, per me, e non solo per me, un punto da cui partire, evolvere. O almeno pensare e sperare di riuscirvi.

      PS. Fino a prova contraria, il sottoscritto è definito un po’ da tutti un “irrimediabile ottimista”. Hai presente quelli che si alzano la mattina sempre di buon umore, sorridenti, espansivi, ciancerini, che ti fanno pure incazzare?

      • Si, ho presente e concordo su quanti ti definiscono “irrimediabile ottimista” poichè è un atteggiamento che si nota immediatamente

        Ho percepito la poesia come un triste, tristissimo specchio del quotidiano vivere, che viviamo. La voce del poeta che canta questa difficoltà, la mancanza totale di empatia e di amore per il prossimo.
        Ma non è così…forse è esattamente l’opposto solo che, cosa grave…tutto ciò è silente.
        Le persone, io..tu noi loro essi…dovrebbero svegliarsi dire la loro: scendere nelle piazze: tenere sveglio il senso di comunità, delle cose importarti da tenere in considerazione.
        La sanità, il lavoro che è dignità, eguaglianza sociale…sono temi fondamentali.

      • Un’interessantissima (e nobile) interpretazione la tua, che passa da qualcosa di estremamente intimo, personale e unico, all’universale, ad un senso di comunione e comunità. L’individuo e le sue pene, solitarie e silenti, come paradigma di una società complessa, poliedrica, multiforme, ricca… infinitamente molteplice, ma altrettanto disgregata e dispersa, centrifugata in un numero indefinito di individualità che non comunicano, se non attraverso filtri (digitali per lo più), monitor e display.
        Mantenere e preservare anche solo la capacità di approcciare, rompere il ghiaccio e la barriera del silenzio. Nel più quotidiano. Basta anche solo una parola…

  2. fuori c’è Dio

    affronto tutto
    con espressione di chi
    non lascia intendere,
    tradita da una lieve
    increspatura delle labbra

    è l’ultima superstite
    di tante derisioni,
    bastasse una pentola
    a tenere ferme
    le luci puntate
    al lieto fine di creature cose
    mai crocifisse abbastanza

    quel che è mio è buio,
    inutile stuolo di lenzuola
    deragliate senza parlare
    e aria dalla finestra aperta,
    l’impresa è cambiare amore
    in posizioni ambite,
    la soglia senza casa

    avrò un raffreddore,
    forse nevicherà domani
    dopo tanta luce,
    fuori c’è Dio
    ed è molto freddo

    • Che bella Flavio!
      Si sente tutta la delusione, esposta con triste ironia (“bastasse una pentola… creature cose mai crocifisse abbastanza”) che non si inaridisce in sterile sarcasmo, ma rimane nella tensione di un lamento “lieve”, che non chiede compassione.
      Questo rimanere fuori (sulla soglia, che è anche intenzione, inizio), svuotati, senza più voglia di reagire, né di imprecare o recriminare (anche se l’idea di un futuro tentativo e di un rilancio si intravedono, non sono negati, per quanto faticosi e inverosimili da qui…).
      Incombe il freddo. L’inverno del cuore. Percepito, sì. Ma anche autoindotto (meccanismo di difesa di chi ha troppo sofferto, e troppo a lungo).
      Le “lenzuola deragliate senza parlare” sono spettacolari.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...