Humus

Ferma.
Accanto al ciglio della strada.
Sono passati minuti
secoli.
La nostra carne
i nostri umori si sono incontrati
laddove i cuori ancora non si conoscono.
Tra i ricordi, quelli prossimi
che premono
incalzano
divergono
ci sono labbra di gelato alla pesca.
Mi attacco ad un pensiero, come fosse un tralcio
come fossi appena nata.
Il tuo profilo
è fatto di occhi neri, sassi di fiume
buchi nel cielo di astri partiti.
Più sotto
abbozzata
irregolare
una forzatura prossima a dileguarsi, la bocca.
Stranezze agostane, sotto frescure riposano
cattive intenzioni e buone stelle.
Gli umori, quelli, si leccano sulle dita.
Leggo il livido che infliggo alla tua pelle
ma scompare quando il pensiero si fa ripido
quando apre al possibile.
E’ allora che un corpo si radica alla terra,
che geme d’amore e morte.

[I.P., 7/8/2017]

Annunci

14 thoughts on “Humus

  1. il bosco ha foglie secche
    di cento anni
    la terra morbida profuma
    di funghi e pioggia di ieri

    il cielo è l’azzurro
    spaccato dai contorni dei rami
    il corpo sulla terra
    una lumaca sulla foglia

    dentro riposa una specie di amore
    e qualche ortica
    come la vita
    che ha nelle screpolature di oggi
    l’imperfezione viva
    dei sogni avverati

    • Molto belli questi versi. Li sento in sintonia, vicini, nel modo di sentire e descrivere. C’è l’umida terra, e c’è il cielo, c’è il corpo, la fisicità e un mondo interiore che pulsa, vive, macera, germina… C’è il passato e c’è il presente. E la precognizione di un sogno avverato. C’è l’ambivalenza della vita, che non è tale senza morte e rinascita, che non è gioia, senza sofferenza, che non è pace, senza incertezza. Che è un meraviglioso, inarrivabile miracolo nella sua fragilità e imperfezione.
      Benvenuta qui, “poetessa rossa”.
      Grazie della tua lettura e del prezioso rimando.
      Paolo

      • E’ venuta fuori da sola e tutta insieme. E devo dire che non succedeva da tempo. Tanto. Ma non serve domandarsi il perché. L’ispirazione capita per caso. Sono io che ringrazio. L’ho riportata anche a casa mia, ma è bello sapere che è nata in un altro luogo e in un giorno inaspettato. Humus si legge sulla pelle, se ne percepisce la temperatura. E’ una di quelle poesie che si possono leggere mille volte, per apprezzarne il gusto e il profumo.
        Continuo il giro di questo vispo blog.
        Ciao
        LPR

      • Sono felice. Felice che sia successo.
        [e ancora complimenti e grazie per avermi/ci donato i tuoi versi]
        Sono con te. Questa è l’ispirazione. Un alito di vento. Il rumore di una porta che sbatte. Un’inquadratura su un dettaglio, l’attimo in cui ti accorgi di qualcosa. Una contaminazione. Reciproca. Attivatasi per puro caso.
        Sono felice che Humus ti abbia toccato, che tu l’abbia “sentita”, sulla pelle, come hai detto. E’ stato così anche per me, che pur conosco le vie e le immagini che l’hanno generata.
        Spero e confido in altre possibili contaminazioni. In altre condivisioni.
        Sento la profondità, l’eco di una confortante sintonia nelle parole che scrivi.
        Mi fa piacere saperti qui.
        A presto,
        Paolo

  2. “E’ allora che un corpo si radica alla terra,
    che geme d’amore e morte.” ❤
    Io non so tradurre la mia emozione in parole… la sento forte.
    La mia pelle coglie tutto e pulsa. Dentro di me si agitano mille sensazioni.
    Questi versi hanno l'odore della terra umida (anche degli umori che si leccano sulle dita), della vita nelle sue molteplici contraddizioni, del tempo che "Sono passati minuti/ secoli."

    Ancora mi inchino a questa poesia così viva e alla sua autrice.
    Tornerò a leggere, Paolo.
    Grazie.
    🙂
    gb

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...