Tu, la notte

tu-la-notte

“La cosa più superba è la notte

quando cadono gli ultimi spaventi

e l’anima si getta all’avventura…

[A. Merini]

Parole. Percorsi. Solchi.
E noi, sulla soglia.
Coincidenze, specchi.
Rivelazioni.
Tu, la notte.
Verità già scritta.
Sulla tua pelle, la mia.
Conosciuta, saputa.
Da prima. Da sempre.

Advertisements

10 thoughts on “Tu, la notte

  1. Mi piace l’idea di “ospitare” qui altre parole, e immagini, non mie. Ma sentite, come se lo fossero. Poesia di un impasto sottratto al reale, al quotidiano.

    “Viene il tempo,
    a passi minuti e silenziosi dentro i giorni,
    in cui contare gli abbracci.
    E dimenticare le asprezze.
    Eravate ciascuno per sé.
    Disabituati.
    Disillusi.
    Ma ora è un tempo nuovo e vi sorprendono gesti naturali. Profumati.
    In corsa dentro vite lontane, vi aspettavate.
    Ora siete.
    Poesia da scrivere sui muri.
    Accordi tra le dita.
    Alfabeto da imparare.”

    Grazie Aurelia.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s